L’Amore è sofferenza, pianto ,gioia, sorriso / L’Amore è felicità, tristezza e tormento…


Amici-in-allegria: 

Alda Merini

La poetessa nella sua abitazione di  Ripa di Porta Ticinese 47. 

Lei usava i muri di casa come pagine di block notes per appuntare numeri di telefono, vignette, aforismi, pensieri.


Alda Merini poetessa milanese, nasce il 21 marzo 1931, è la minore di tre fratelli. Terminate le elementari, frequenta i tre anni di avviamento al lavoro presso un istituto milanese. Vorrebbe andare al liceo ma non supera la prova d’italiano e non è ammessa. Nello stesso periodo si dedica allo studio del pianoforte.

Nel 1947 è ricoverata per un mese in un ospedale psichiatrico. Esordisce come autrice a quindici anni. Un suo lavoro è inserito nella “Antologia della poesia italiana 1909-1949”.Nel 1953 sposa Ettore Carniti, proprietario di alcune panetterie di Milano, con il quale avrà un rapporto un po’ tormentato.Nel 1955 nasce la primogenita. Poi segue un periodo di silenzio e d’isolamento, è internata in manicomio fino al 1972 con alcuni brevi periodi trascorsi in famiglia durante i quali nascono altre tre figlie.Dopo un alternarsi di salute e malattia che dura fino al 1979, la Merini torna a scrivere. I testi intensi e drammatici narrano le sue sconvolgenti esperienze in manicomio. Dopo la morte del marito Alda riesce a ricontattare Michele Pierri, un poeta di Taranto che conosceva da molti anni. Nel 1984 lo raggiunge a Taranto e nell’ottobre successivo, i due si sposano. Lui aveva 85 anni, lei 53. La differenza d’età manda in crisi Alda che finisce nuovamente in manicomio. Nel 1988 il Perri muore e lei uscita dal manicomio torna a Milano.Nel 1993 riceve il Premio Librex-Guggenheim “Eugenio Montale” per la Poesia.Nel 1996 le è assegnato il “Premio Viareggio”.L’anno seguente riceve il “Premio Procida-Elsa Morante”.Nel 2002 viene pubblicato un piccolo volume dal titolo “Folle, folle, folle d’amore per te”. Nel 2003 un cofanetto con videocassetta e testo dal titolo “Più bella della poesia è stata la mia vita”.Nel febbraio del 2004 Alda Merini è ricoverata all’Ospedale San Paolo di Milano per problemi di salute. Il suo ultimo lavoro è datato 2006: Alda Merini si avvicina al genere noir con “La nera novella”. Il 17 ottobre 2007 la poetessa ottiene la laurea honoris causa in “Teorie della comunicazione e del linguaggio”.Alda Merini muore a Milano il giorno 1 novembre 2009 nel reparto di oncologia dell’ospedale San Paolo a causa di un tumore osseo.

Casa museo ricostruita in via Magolfa 30. Stessi mobili, indumenti ed oggetti, ma naturalmente non ci sono i graffiti, l’ ambiente è un po’ asettico, diverso dal “caos” della casa di Alda Merini 😊

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...