leonard cohen 🎼🎶🎵le sue più celebri cover italiane..

21 settembre del 1934 nasceva Leonard Cohen.

Hallelujah

Leonard Cohen – You Want It Darker

Testo
If you are the dealer, I’m out of the game
If you are the healer, it means I’m broken and lame
If thine is the glory then mine must be the shame
You want it darker
We kill the flame
Magnified, sanctified, be thy holy name
Vilified, crucified, in the human frame
A million candles burning for the help that never came
You want it darker
Hineni, hineni
I’m ready, my lord
There’s a lover in the story
But the story’s still the same
There’s a lullaby for suffering
And a paradox to blame
But it’s written in the scriptures
And it’s not some idle claim
You want it darker
We kill the flame
They’re lining up the prisoners
And the guards are taking aim
I struggled with some demons
They were middle class and tame
I didn’t know I had permission to murder and to maim
You want it darker
Hineni, hineni
I’m ready, my lord
Magnified, sanctified, be thy holy name
Vilified, crucified, in the human frame
A million candles burning for the love that never came
You want it darker
We kill the flame
If you are the dealer, let me out of the game
If you are the healer, I’m broken and lame
If thine is the glory, mine must be the shame
You want it darker
Hineni, hineni
Hineni, hineni
I’m ready, my lord
Hineni
Hineni, hineni
Hineni
Compositori: Leonard Cohen / Patrick Leonard
Leonard Cohen #

www.rockol.it/news-692844/leonard-Cohen

 

A differenza di tanti altri importanti artisti che hanno influenzato la canzone italiana di riflesso, Cohen è stata una delle pochissime fonti alla quale i cantanti nostri connazionali hanno attinto direttamente con continuità fin dai primissimi anni Settanta: il grande songwriter canadese è stato infatti un faro per i cantautori di casa nostra, a cominciare da Fabrizio De André e Francesco De Gregori, che nel loro repertorio non hanno fatto mancare diverse riletture in italiano delle sue opere.

<•>>>Nelle pagine a seguire, una selezione delle più celebri cover in italiano di Leonard Cohen.

Francesco De Gregori – Il futuro (Firenze, Nelson Mandela Forum, 25/3/2015)

Francesco De Gregori ha frequentato il repertorio di Cohen fin dal 1970, quando per Giorgio Lo Cascio tradusse i testi di “So Long, Marianne” (“A presto, Marianne”) e “Suzanne”, riservandosi di interpretare in prima persona “Tonight will be fine” (che diventerà “Un letto come un altro”). “The future” (“Il futuro”) il cantautore la tradusse inizialmente nel 1998 per Mimmo Locasciulli, per poi farla entrare nel suo repertorio dal vivo a partire dal 2014.

Giovanna d’Arco – Fabrizio De Andrè

“Joan of Arc” fu inizialmente tradotta da Carlo Alberto Contini per Kamsin nel 1971: solo un anno dopo Fabrizio De André ne restituirà una sua versione – semplicemente intitolata “Giovanna D’Arco” – che verrà poi inserita nel ’74 nel suo settimo album, “Canzoni”.

La Famosa Volpe Azzurra – Ornella Vanoni

“Famous blue raincoat” diventa nella traduzione di Fabrizio De André e Sergio Bardotti “La famosa volpe azzurra”. La canzone viene interpretata dalla cantante milanese Ornella Vanoni che sarà inclusa nel suo album del 1980 “Ricetta di donna”.

shrek alleluia – Francesco Baccini

Tra le numerose cover di “Hallelujah” esiste anche quella interpretata da Francesco Baccini per la colonna sonora del film “Shrek”, la rielaborazione del testo è opera dello stesso cantautore genovese insieme a Enrico Nascimbeni.

La celeberrima “Suzanne”, nella traduzione di Fabrizio De André, venne proposta nel 1983 anche da una delle migliori voci della nostra canzone, Mia Martini.

Un pensiero su “leonard cohen 🎼🎶🎵le sue più celebri cover italiane..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...