Blue Monday: tutto finto o qualcosa di vero c’è?

costanzamiriano.com/2020/01/22/lobbedienza-alla-realta-e-la-cosa-che-ci-salva/

Blue Monday: il giorno più triste dell’anno è anche la più grande bufala web di sempre.

Ecco perché

Come ogni anno dal 2005 si festeggia anche oggi il “Blue Monday” ossia il giorno della tristezza. Una particolare ricorrenza che è più frutto di una bufala che di un vero evento accaduto. Ecco perché. 

di Bruno Mucciarelli pubblicata il 20 Gennaio 2020, alle 16:01 nel canale WEB 

Oltre ad essere lunedì, oggi è anche il ”Blue Monday” ossia il giorno più triste dell’anno. Dal 2005, secondo calcoli matematici, il terzo lunedì di gennaio di ogni anno trova collocazione il giorno più triste di tutti gli altri 364 giorni (quest’anno anche uno in più). A renderlo tale è stata la compagnia di viaggi Sky Travel che appunto 15 anni fa decise di “rendere tristi” un po’ tutti coloro che volevano crederci. Oggi a distanza di tutti questi anni ancora si crede in questo anzi ancora si festeggia questa triste giornata.

Blue Monday: tutto finto o qualcosa di vero c’è?

Il Blue Monday ha dunque avuto inizio con la campagna pubblicitaria della Sky Travel, l’agenzia di viaggi che decise il 18 gennaio 2005 che ci si sentiva giù di morale per il fatto che ogni anno per il terzo lunedì di gennaio, secondo calcoli matematici, risulta essere il giorno più deprimente. Tanti i fattori che portano a questa conclusione come il meteo, i debiti, ma anche i giorni che mancano al Natale, lo stipendio mensile e molto altro ancora compreso un coefficiente che richiama il fatto che ognuno di noi sa che “c’è sempre bisogno di agire”.

Il risultato porta solo ad una soluzione ossia che il terzo lunedì del mese di gennaio altro non è se non il “giorno più triste dell’anno”.Chi effettivamente ha studiato tutta l’equazione ha svelato che di vero e scientifico oltre che di matematico c’è veramente poco o nulla. La Cardiff University a cui appartiene Cliff Arnall, psicologo che ha ideato l’equazione, ha preso le distanze da tempo. L’equazione non ha alcun senso e anzi è anti scientifica oltre che ridicola. Secondo la Scienza quella vera, che ha effettivamente studiato il fenomeno della tristezza, a determinare questo tipo di fenomeno sono altri fattori come la psicologia e l’economia.

Lo stesso Arnall confessò di essere stato contattato dall’agenzia della SKy Travel, la quale era alla ricerca di uno studioso che avvalorasse l’idea di uno studio scientifico con un “finale già scritto” quale appunto il giorno più triste dell’anno. Il professore accetto l’idea di farlo ammettendo però anni dopo che lo aveva fatto esplicitamente per soldi proprio quei soldi che molti suoi colleghi non accettarono mai. Insomma una vera e propria bufala creata ad arte, anzi a pagamento.

Eppure c’è chi ci crede come in Gran Bretagna dove il tema viene preso così seriamente dal fatto che, dati alla mano, aumentano proprio per il terzo lunedì di gennaio l’astensione lavorativa e il fatto che molti enti no profit, prima fra tutti Mental Health Uk che si occupa della salute mentale, si prodigano con consigli su come superare il lunedì più deprimente dell’anno. Quali? Tra i principali vestirsi di colori brillanti, fare esercizio fisico, mangiare bene, ascoltare musica allegra ed essere socievoli.

Continua

www.hwupgrade.it/news/web/blue-monday-il-giorno-piu-triste-dell-anno-e-anche-la-piu-grande-bufala-web-di-sempre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...