“Commento al vangelo del 1 marzo 2020 senza messa”

Vieni, vieni chiunque tu sia, sognatore, devoto, vagabondo, poco importa. Vieni ...

I domenica diquaresima

Commento al vangelo del 1 marzo 2020

Il Vangelo della I domenica di quaresima commentato da Paolo Curtaz.

In quel tempo, Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo. Dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame. Il tentatore gli si avvicinò e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ che queste pietre diventino pane». Ma egli rispose: «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”». Allora il diavolo lo portò nella città santa, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù; sta scritto infatti: “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo ed essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”». Gesù gli rispose: «Sta scritto anche: “Non…

View original post 91 altre parole

Vi aspetto presto a scuola… Domenico Squillace

Immagine
F. Gonin, L’inchiesta del Tadino

“Era in quel giorno morta di peste, tra gli altri,
un’intera famiglia. Nell’ora del maggior concorso,
in mezzo alle carrozze, i cadaveri di quella famiglia furono, d’ordine della Sanità, condotti al cimitero suddetto, sur un carro, ignudi, affinché la folla
potesse vedere in essi il marchio manifesto
della pestilenza. Un grido di ribrezzo, di terrore,
s’alzava per tutto dove passava il carro;
un lungo mormorìo regnava dove era passato;
un altro mormorìo lo precorreva. La peste fu più creduta: ma del resto andava acquistandosi
fede da sé, ogni giorno di più; e quella riunione medesima non dové servir poco a propagarla…”

promessisposi.weebly.com/capitolo-xxxi

non c'è rosa senza spine By GiuMa

“La peste che il tribunale della sanità aveva temuto che potesse entrar con le bande alemanne nel milanese, c’era entrata davvero, come è noto; ed è noto parimente che non si fermò qui, ma invase e spopolò una buona parte d’Italia…..”
capitolo 31 dei Promessi sposi

www.romena.it

BuongiornoRomena

Questa è la magistrale lettera che il preside del liceo Volta di Milano, Domenico Squillace, ha scritto alle studentesse e agli studenti della scuola e pubblicato sul sito.

“La peste che il tribunale della sanità aveva temuto che potesse entrar con le bande alemanne nel milanese, c’era entrata davvero, come è noto; ed è noto parimente che non si fermò qui, ma invase e spopolò una buona parte d’Italia…..”

Le parole appena citate sono quelle che aprono il capitolo 31 dei Promessi sposi, capitolo che insieme al successivo è interamente dedicato all’epidemia di peste che si abbatté su Milano nel 1630. Si…

View original post 545 altre parole

Ho ascoltato questo messaggio… (in seguito al contraddittorio che si è creato dopo la chiusura delle chiese per il coronavirus vedi articolo Silvana de Mari:Chiudere le Chiese per l’epidemia è un brutto colpo alla speranza.

Cari figli…

Vieni, vieni chiunque tu sia, sognatore, devoto, vagabondo, poco importa. Vieni ...

Vorrei dire una cosa perché mi preme. Ciò che realmente conta, a prescindere da tutto ciò che accade su questa terra, è avere fede in Dio. Il Vangelo è dipinto di fede perché è ciò che Gesù chiede. Ma non chiede di essere dei superuomini perché cristiani, chiede di vivere come possiamo mantenendo la fede in Lui. Siamo capaci? Si, ma anche no. Perché? Perché siamo esseri umani, assetati d’amore, bisognosi di affetto, deboli davanti alle nostre necessità, feriti nel profondo del cuore dalle vicissitudini della vita. Quali parole chiede Gesù? Parole di preghiera, di conforto, d’amore… il resto viene dal menzoniero di sotto. La Chiesa è fatta di uomini, non privi di tentazione, non essendo dal peccare. Credo che tutti ne siamo consapevoli. Questi tempi in cui viviamo sono tempi alquanto duri sotto molti aspetti, tempi dissonanti. Il bombardamento terroristico è assiduo. Violenze, guerre, soprusi, ingiustizie, catastrofi, epidemie, è…

View original post 445 altre parole